La biglia blu (Blue Marble)

Contesteco rende omaggio all'anniversario dello sbarco sulla luna attraverso il suo concept."Siamo andati fino a là per esplorare la Luna, ma in realtà abbiamo scoperto la Terra"

Sono le parole di Chris Kraft, uno degli storici Direttori di Volo del Mission Control a Houston che prese parte e diresse tutti i progetti a partire dal Mercury, poi il programma Gemini e infine il programma Apollo, in una intervista di qualche anno fa.

Con i voli Apollo, quasi tutti al di fuori dell'orbita terrestre, per la prima volta si potè osservare il pianeta Terra da un punto di vista completamente nuovo e inedito.

Fin dalla notte dei tempi la Luna è stata sempre visibile: la possiamo ammirare a occhio nudo, osservare con telescopi sempre più potenti e studiare con sonde che l'hanno esplorata in lungo e in largo. Ma mai nessun essere umano, prima delle missioni Apollo, aveva visto la Terra nella sua interezza con i propri occhi.

Gli equipaggi che si sono succeduti nelle varie missioni hanno scattato molte fotografie, alcune delle quali ormai molto celebri e che sono diventate dei veri e propri simboli del '900.
Immagini come Earthrise (Apollo 8, dic. 1968) o Blue Marble (Apollo 17, Dic. 1972) mostrano la Terra nella sua unica e straordinaria bellezza, immersa nel freddo nero infinito dell'Universo.

Frank Borman, comandante di Apollo 8 insieme a Lovell e Anders, descrive la Luna come "inospitale e noiosa..." dopo averci orbitato intorno per 24 ore nella prima missione con equipaggio del Dicembre 1968, "... niente in confronto all'emozione di osservare la Terra". Il contrasto stridente tra la desolata superficie lunare e quella rigogliosa terrestre è stato, grazie anche a quelle imprese, consegnato senza filtri o interpretazioni arbitrarie allo sguardo di tutti.

Lo stesso Buzz Aldrin, nella storica notte di Apollo 11 con Armstrong e di cui in questi giorni ne celebriamo il 50° anniversario, appena posato il piede sulla Luna disse in diretta: "Magnifica desolazione... penso a tutti gli sforzi fatti per portarci fino a qui..."

Quelle immagini diffuse ovunque sui giornali dell'epoca e quelle emozioni trasmesse in diretta hanno letteralmente acceso un nuovo tipo di coscienza e di consapevolezza tra la gente.
La grande risonanza che quell'avventura lunare ha riscosso alla fine degli anni '60 ha dato l'inizio alle varie correnti ambientaliste e movimenti in difesa della natura.

Tutti hanno potuto constatare che la Terra non è "infinita" e non è così grande come ci appare nella vita tutti i giorni. E' piccola, piccolissima, immersa nel nulla ed è l'unica isola che ci è permesso abitare... non c'è altro posto per noi oltre la Terra e dovremmo comportarci di conseguenza.

L'Astronave Terra è questa, ha risorse e capacità limitate, dobbiamo proteggerla e difenderla tutti insieme con priorità massima perchè questa volta "il problema" non ce lo potrà risolvere Houston... dovremo cavarcela da soli.

E proprio per difendere l’Astronave Terra noi di Contesteco, attraverso il nostro contest  vogliamo sensibilizzare tutti i cittadini, adulti e ragazzi, alle tematiche che valorizzano la salvaguardia del nostro Pianeta come lo sviluppo sostenibile, il riciclo dei materiali e cercare di far decollare un’economia più green.

Quest’anno vogliamo farlo omaggiando proprio il 50° anniversario dello sbarco dell’uomo sulla luna.
L’unico requisito per partecipare sarà realizzare un’opera che avrà come concept:

DALLA TERRA ALLA LUNA PER CELEBRARE IL 50° ANNIVERSARIO DELLO SBARCO DELL’UOMO SULLA LUNA

Le vostre opere, dagli scatti fotografici alle creazioni artistiche, serviranno a raccontare ma soprattutto a far capire che è solo tutelando le risorse sempre più scarse dell’Astronave Terra, che possiamo dare una soluzione vera al problema dei rifiuti, dell’energia e della mobilità in modo “eco-sostenibile”.

L’uomo è arrivato sulla Luna ma ancora non si è reso conto che ad essere in pericolo è il Pianeta Terra?

Fai la Differenza anche tu ed iscriviti al Contest d’arte e design + eco del web!

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni